Da campioni a esuberi: la strana estate del calcio italiano e di Icardi, Dybala e Higuain

HuffPost

La parabola dei top player del 2019: da uomini imprescindibili sul campo a esuberi da cedere al più presto possibile. Il calcio italiano si arricchisce sempre più di casi come questi, in cui la vicenda Icardi ha fatto da apripista anche ad altri grandi attaccanti come Higuain e Dybala. Ad analizzare le manovre delle squadre italiane di calciomercato, bloccate da calciatori come Donnaruma, Matuidi e Khedira, è Il Corriere :

È la tendenza dell’estate, un’inattesa e inedita moda che sta mettendo in seria difficoltà i nostri club più grandi. E anche i loro direttori sportivi, ai quali la sera del 2 settembre potrebbero essere rinfacciati proprio questi insuccessi in uscita: proprietari e presidenti osservano inquieti, da Agnelli a Elliott. Del resto oggi è importante costruire squadre forti, ma pure avere bilanci cristallini o — comunque — accettabili: l’Uefa è pronta a far cadere la propria mannaia, il Milan ne sa qualcosa così come, in un recente passato, l’Inter e la Roma.

Vendere i calciatori non è più una questione prettamente tecnica e sportiva. Il bilancio e le regole economiche sempre più rigide impongono decisioni che non tengono in considerazione solo il verdetto del campo. Giovanni Brancini, storico agente calcistico di grandi campioni, spiega quanto sia complicato vendere rispetto ad acquistare:

“Se hai i soldi, è più facile comprare i calciatori che cederli. Da sempre. È come andare a fare shopping con la borsa piena di denaro: vedi in vetrina ciò che ti piace e lo acquisti. Per vendere i giocatori, invece, occorre qualcosa che pochi hanno: la programmazione. Bisogna avere le idee chiare già prima del mercato. Al contrario molti club pensano a rafforzarsi e aspettano che, con il passare del tempo, si verifichi una congiunzione astrale tale per cui arrivino offerte allettanti per i loro giocatori”.

Anche la Juve, che sul mercato si è dimostrata regina negli ultimi anni, si ritrova in rosa campioni dallo stipendio dorato...

Continua a leggere su HuffPost