Fragolina, la cagnolina abbandonata quattro volte che si è lasciata morire di dolore

Adalgisa Marrocco

Fragolina è morta di dolore. Una cagnolina rifiutata da quattro persone, passata di mano in mano fino a non poter sopportare più il dolore dell’abbandono. A denunciarlo è l’associazione L.I.D.A. Ciriè Valli di Lanzo, che si occupa di tutela degli animali.

A raccontare ad HuffPost la storia di Fragolina è Laura Masutti, responsabile della sezione piemontese dell’associazione: si trattava di una cagnolina la cui situazione era stata scoperta per caso, dopo aver iniziato a monitorare la persona che per prima aveva scelto di prenderla con sé.

“La persona in questione aveva preso in affido, non direttamente da noi ma attraverso noi, un altro cane sordo. Quando ci siamo accorti che l’animale viveva confinato dietro l’abitazione abbiamo iniziato a monitorare la situazione. E facendolo ci siamo accorti che aveva preso in affido un’altra cagnolina”, dice la responsabile. E prosegue: “Dopo qualche tempo abbiamo notato che questa cagnetta non c’era più. Dunque, ci siamo interessati alla questione e abbiamo scoperto che era passata in mano ad altra gente”.

“Si è trattato di ben quattro passaggi in totale. Una volta risaliti all’ultima persona che aveva preso l’animale in casa nell’astigiano, abbiamo provveduto a contattarla telefonicamente. Non potendoci occupare direttamente della situazione di Fragolina fino a settembre, gli abbiamo chiesto di poterla tenere per qualche mese”, continua la responsabile.

“Qualche giorno fa, questa persona ci ha chiamati per avvertici che la cagnolina era morta. L’avevano trovata senza vita in un box. Fragolina si trovava nell’astigiano, quindi lontana dalla nostra zona. Non possiamo conoscere la causa esatta del decesso, magari non era tenuta male, ma sono convinta che sia morta anche a causa di un grande dolore, passata di famiglia in famiglia, rifiutata. La colpa non può essere data all’ultima persona che l’ha presa con sé, ma al fatto che spesso gli animali vengono trattati come oggetti,...

Continua a leggere su HuffPost