Governo, Conte: fedeltà a interessi nazionali non orgoglio personale

Dmo

Roma, 18 lug. (askanews) - "I valori che ispirano la mia condotta sono sempre stati e saranno il rispetto delle istituzioni, da difendere sempre e comunque, la piena trasparenza nei confronti dei cittadini, la fedeltà assoluta agli interessi nazionali. Le mie iniziative sono sempre ispirate da queste finalità ed è un errore pensare che possano essere dettate dall'orgoglio personale o suscitato dal ruolo, o anche dalla volontà di alimentare polemiche e contrasti politici". Così in una lettera a Repubblica il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

"Durante il negoziato preordinato alla designazione dei nuovi vertici delle Istituzioni dell'Unione mi sono dapprima opposto a soluzioni predeterminate e non elaborate nel consesso appropriato o nell'ambito del mandato congiunto che avevamo conferito al Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk. Successivamente, quando mi sono opposto a soluzioni alternative, l'ho fatto non per pregiudizi personali o politici nei confronti degli altri candidati vagliati, ma perché ho ritenuto che le soluzioni prospettate non fossero idonee a tutelare i nostri interessi nazionali e comunque a garantire il necessario rilancio per superare il difficile momento che l'Unione europea sta attraversando spiega Conte sul fronte dell'Europa - La designazione di Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione europea è stata da me condivisa, per la sua storia personale e politica, e perché questa soluzione avrebbe consentito all'Italia di ottenere un portafoglio economico di rilievo, in particolare la 'concorrenza', come da me richiesto, e avrebbe aperto a buone prospettive per l'Italia anche con riguardo alle restanti nomine".