Miracolo a Verona, 17enne in coma si sveglia prima dell’espianto

Ragazzo in coma si sveglia prima di espianto

È un vero e proprio miracolo quello avvenuto all’ospedale di Verona. Lorenzo Mori, 17 anni , si è svegliato dal coma profondo in cui era caduto dopo un terribile incidente in sella al suo motorino. L’impatto ha provocato danni cerebrali e respiratori tanto gravi da spingere i medici ad escludere ogni possibilità di risveglio. In un gesto di estremo altruismo, i genitori hanno acconsentito all’ espianto degli organi. Ma proprio quando stava per essere sottoposto all’intervento, Lorenzo ha aperto gli occhi.

Dall’incidente al risveglio

Per Lorenzo la vita è ricominciata all’improvviso, esattamente come improvvisamente si era interrotta lo scorso 20 dicembre mentre stava andando a scuola. Era in sella al suo scooter quando, riporta Verona Today , si è scontrato con una Mercedes ed è stato sbalzato dal motorino, all’incrocio tra via Da Mosto, viale Cristoforo Colombo e via Pancaldo. Neppure il casco l’ha protetto dalle tragiche conseguenze dell’incidente. Pochi mesi più tardi, il 17enne non solo è uscito dal coma ma ha ricominciato subito a muoversi e parlare. Dopo un periodo in osservazione, è potuto tornare tra i banchi di scuola , al liceo scientifico Girolamo Fracastoro.

Le parole dei genitori

I medici, al momento, non sanno fornire alcuna spiegazione clinica . Ma ciò che conta per i genitori e i fratelli è solo che Lorenzo sia di nuovo lì con loro. “ Grazie a chi lo ha aiutato a riprendere quello che aveva perso quella mattina”, hanno commentato ai microfoni de L’Arena il padre Nicola e la madre Claudia. Ora non desiderano altro che lasciarsi questo incubo alle spalle. Ma non dimenticheranno “il bene sperimentato, il grande amore ricevuto in tutti questi mesi” da parte di chi “ha combattuto accanto a Lorenzo in questa prova terribile”.