Monica Bellucci: "La donna madre non è più desiderabile? Ci fanno diventare mamme e poi se ne vanno con le altre"

HuffPost

“Da giovani pensiamo in bianco e nero, siamo conformisti e vittime delle lezioni ricevute. Finché non impariamo a darci le nostre”, così Monica Bellucci si confessa in una lunga intervista a Vanity Fair .

Il tempo che passa lo trovo interessante. Sento che dobbiamo scoprire qualcosa, ma non so bene cosa.

L’attrice confessa di non sentire nostalgia per il passato e, alla vigilia del suo 55esimo compleanno, afferma di non avere paura del futuro e sul rapporto con religione e spiritualità confessa:

Mi piace l’idea di una forza vitale di cui facciamo parte, che ci appartiene e ci sovrasta. Una legge cosmica che in qualche modo regoli una giustizia universale. Parlare di Dio è troppo. Da umana non mi sento autorizzata a volare così alto.

Ripercorrendo le tappe della sua carriera, la Bellucci ricorda una sequenza dal film Irréversible (2002, scritto e diretto da Gaspar Noé) in cui appariva vittima di una scena di stupro lunga nove minuti. Una scena su cui oggi riflette in veste di madre.

Quando abbiamo girato il film non ero ancora madre. Oggi lo leggo diversamente. Ho pensato alle mie figlie, alle loro coetanee e mi sono detta: “Che cosa possono pensare di un film così? Possono avere più paura di quanto già abbiano?” [...] All’epoca, le ragazze venivano da me e, tremando, mi chiedevano: “Come ha potuto interpretare una scena così?” [...] Una volta ho chiesto a Gaspar perché ha scelto me per questo film: “Voglio far vedere come c’è una parte dell’umanità che vuole distruggere la bellezza”.

A chi le domanda se farebbe vedere quella scena alle sue figlie, la Bellucci risponde:

Alle mie figlie no, anche se oggi nei social si accede a tutto il peggio possibile. Non possiamo chiudere i figli in una bolla.

E proprio sulle sue due figlie Deva (che mostra una straordinaria somiglianza con la madre , ndr) e Leonie, nate dal matrimonio con Vincent Cassel , l’attrice rivela:

Le mie bambine assomigliano al padre, sono due vichinghe elegantissime....

Continua a leggere su HuffPost