Salvini accerchiato. Pressing da Conte, M5S, Fico e Pd per portarlo in Parlamento

Giuseppe Alberto Falci

Salvini contro Conte. Conte contro Salvini. Salvini contro tutti. Con il presidente del Consiglio la linea telefonica si è interrotta da parecchi giorni. Con i 5 stelle i rapporti sono sempre più tesi, con i fronti aperti che aumentano ogni giorno. Il più grande è quello dei presunti fondi russi alla Lega, con Conte e M5S che insistono per un chiarimento parlamentare e Roberto Fico che si muove in pressing sul Governo per ottenere una risposta rapida sull’informativa di Salvini. Mentre il Pd fa circolare perfino l’ipotesi di trascinarlo in Aula con una mozione di sfiducia. Una sorta di accerchiamento sul vice premier leghista, che affronta con sempre maggiore nervosismo la vicenda e i rapporti interni al Governo.

Salvini e Conte si percepiscono ormai come avversari e non come colleghi di Governo. Dalle parti della Lega c’è un certo fastidio ogniqualvolta si evoca il nome dell’inquilino di palazzo Chigi. “Ora - si sfoga un leghista di peso - ci fa anche i dispettucci perché è in ancora in botta per il tavolo con le parti sociali che Matteo ha organizzato lunedì scorso”. Il Carroccio non ne può più dell’avvocato del popolo. Lo stesso che nella notte di domenica ha diffuso quella nota in cui ha scaricato qualsiasi responsabilità sulla presenza di Gianluca Savoini alla cena con Vladimir Putin a villa Madama, agli uffici di diretta collaborazione del Capitano della Lega. Eccolo allora il grande freddo. Accompagnato da un nervosismo che il Capitano della Lega non cela più. Il fastidio e l’irritazione rimandano all’atteggiamento del premier sull’affaire del Metropol. Perché il 24 luglio, alle 16 e 30, Conte si presenterà a palazzo Madama a riferire sulla vicenda dei presunti finanziamenti russi alla Lega.

Un’informativa vera e propria che scatena le ire delle truppe salviniane. Perché certifica, mormorano, “la scorrettezza del premier nei confronti di Matteo”. “Va bene, Conte andrà all’informativa perché lui va in...

Continua a leggere su HuffPost