Una foto di troppo, picchiato e costretto a baciare i piedi della principessa

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman (foto Jacquelyn Martin/Pool via REUTERS)

Sei mesi di carcere con la condizionale e 5 mila euro di multa. Questa la richiesta dell'accusa nel processo in corso di svolgimento a Parigi nei confronti della principessa Hassa bint Salman , unica figlia del re Salman dell'Arabia Saudita e sorrellastra del principe ereditario saudita Mohammed ben Salman. La donna avrebbe fatto picchiare e umiliare dalla sua guardia del corpo un idraulico che nel 2016 era stato chiamato alla riparazione di una vasca nel suo appartamento parigino.

L'artigiano è accusato dalla principessa di avere scattato foto non autorizzate del suo appartamento. Nell'udienza è emerso che la sorella dell'uomo forte di Riad, si sarebbe infuriata visto che "nessuno l'aveva mai fotografata da quando aveva 8 anni". Ed ha sospettato che l'idraulico, Ashraf Eid, fosse una sorta di agente " al soldo dell'Isis ", "nemico del suo paese", pronto a rivendere le foto rubate.

Il presidente del tribunale, citando dalle prove dell'accusa, ha riferito durante l'apertura del processo che la principessa avrebbe detto alla sua guardia del corpo di denigrare l'operaio, definendolo un "cane che non merita di vivere". Il malcapitato idraulico di origine franco egiziana ha inoltre riferito alla polizia che la guardia del corpo lo ha legato, facendogli baciare ripetutamente i piedi della donna .

LEGGI ANCHE: Redditi dei politici, ecco il più ricco e il più povero

Nel corso delle violenze subite dall'idraulico il telefono che conteneva le immagini è stato distrutto: "Non sapremo mai cosa c'era su quelle foto", ha osservato la procuratrice che ha sostenuto l'accusa.

"Ci sono 20 o 30 testimoni nell'appartamento che possono testimoniare che in nessun momento (l'operaio) è stato toccato ", ha detto la guardia del corpo, unico imputato presente al processo. E ha aggiunto: " Rompere il telefono è stato l'errore più grande : ci priva la possibilità di dimostrare che questo signore ha fatto video intenzionalmente".

La sentenza è attesa prevista per il 12 settembre.